Cosi abbiamo trovato il Carretto Sicliano a Palermo:

Un capo lavoro con legno di noce ha fatto uno degli ultimi carpentiere tradizionale creando questo tipico Carretto Siciliano - pero purtroppo non e riuscito di finire il Carretto a causa di un incidente - poi qualcouno messo i componenti di ferro da un carretto storico senza levare prima la ruggine e senza riverniciatura. Solo per la bellezza si poteva pure dipingere facilmente dall'esterno e mostrare il Carretto Siciliano poi in un salone, protetta dal mal tempo.

Noi vogliamo pero veramente onorare e usare il Carretto Siciliano, e non solo per la nostra campagna e il nostro parco di avventura - o piccoli viaggi, no a diretura un grande eco viaggio: una volta tutta la bella Sicilia lungo mare e poi un giro del Europa!

Prima però abbiamo avuto un sacco di lavori manuali sulla nostra "Mongagna di Avventura": Con la machete "combattere la giungla", con la zappa nel giardinaggio e sul vigneto (pulire a mano migliaia di metri quadrati in totale), poi fare le prime esperienze come produttori di vino e olivicoltori... (contadinu picciriddu) e pure la ristrutturazione del vecchio fienile, costruiere case in legno (da gli alberi fino le tavole fatto a mano) e recinzione di 20 ettari di terreno per i cavalli, asini e altri animali...

Così il Carretto Siciliano dovuto attendere ancora qualche anno sotto un telone per il restauro - finché Carmello Agnello, capo di SiLegnoPiu offerto in benevolo una buona officina con tutti gli strumenti professionali che sono importanti per il nostro lavoro.


Finalmente eriamo in grado di smantellarlo completamente il nostro Carretto Siciliano per fare l'importante lavoro finale. 10.000 chilometri lungo la costa del carrello deve sopportare. - Vedrete ora il film documentario (corta versione)

 

E qui tutta la documentazione del restauro con una galleria fotografica.

 


Dopo anni di vento e maltempo un restauro del nostro Carretto Siciliano è veramente necessario.

 

 

Per proteggere tutte le parti metalliche e pure il legno doppiamo smontare completamente il Carretto Siciliano.

 

 

 

 

 

 

 

 

Le parti in ferro sono stati abrasi e immersi nei convertitori di ruggine.

 

Lo smantellamento delle molle e il trattamento per le cure ha rivendicato il più tempo. Dopo tutto, i pezzi sono molto più utili come si temeva.

...ma quanti pezzi...

 

 

levigatura del legno che era pieno di macchie d'acqua  - dopo qualche ora - molto piu bello - verramente come nuovo

 inceratura del legno => brillante e ben protetta

 

...poi rimuovere della vernice vecchia da le ruote - per vedere come sono combinati...

 dopo molto di polvere... ci vuole una pausa a mare - un bel bagnio e un ancorra piu bello viene il tramonto...

 

Naturalmente Danijel ed Ercole guardano con gli occhi grandi e molto da vicino ... cosi TANTI pezzi diversi - prima tutti uniti in bella forma di UN Carretto Siciliano! ... Vediamo quanti elementi rimarranno dopo il montaggio. ;-)

Per portare diverse decine di elementi delle molle in acciaio di nuovo in forma corretta avevamo bisogno di un bel po ', un sacco di strumenti e molto ma molto pazienza.

Infine felice dopo che abbiamo ottenuto la balestra bene insieme ...e dopo un po ci sono pure le noce adeguati su le viti - tutti pezzi sono fatto a mano secolo di vita fa - e per questo in tante forme vari.

... poi seguono l'asse - con un grando peso - siamo un altro importante passo in avanti. Con un tubo di prolunga tutto si sta ben avvitato - per oltre 10,000 kilometri ...

naturalmente non senza le ruote :-) ora ci rivolgiamo pure quelli.

Mettendo le ruote in posizione giusta, stringendo con una chiave speciale - e alla fine, dopo una buona giornata di lavoro un controllo visivo...

Dopo una giornata di sole agghiacciante in mare anche le ragazze stanno arrivando per un controllo visivo! :-)

 Controllano davvero magistrale, da tutte le parti - e partecipano poi con il lavoro artigianale ... e quindi conoscere il nostro successo ad apprezzare con applausi - grazie di tutto! :-)